Alessia De Filippo e la sclerosi multipla: “Prendi dal dolore solo il lato positivo”

Napoli, 4 apr. – Sorride alla sclerosi multipla sostenendo gli altri con la pagina “Lächeln”. Ha 24 anni ed è una ragazza piena di vita. Alessia De Filippo, di Pomigliano, è una blogger ispirata dai suoi sorrisi, con la particolarità che questi stessi nascono dalla forza di volontà di contrastare la sclerosi multipla, malattia degenerativa con cui convive ormai da tre anni.
Su Facebook grazie a “Lächeln”, che in tedesco vuol dire non a caso “sorriso”, racconta del suo percorso e delle battaglie condotte per sostenere il dolore degli altri. La scoperta della patologia arriva in una situazione familiare già intricata: un padre stoico che lotta con le sue problematiche di salute, la perdita prematura della dolce mamma, perno della famiglia.
Alessia non si arrende: è tenace, speranzosa, ha voglia di vivere e di superare le prove difficili dell’esistenza. Appassionata dei suoi studi, inizia ad avvertire i primi disagi fisici proprio mentre è in facoltà a sostenere l’esame di matematica. Studentessa all’Università di Salerno, indirizzo Economia, inciampa durante la sessione d’appello. Da qui una serie di accertamenti la portano alla diagnosi: sclerosi degenerativa: “La vita mi ha reso coraggiosa: una patologia cronica e genetica ereditata da mio padre, il cancro che ha portato via mia madre, poi la sclerosi che mi sottrae la sensibilità muscolare, con tante difficoltà annesse, mi hanno indotto ad avere forza. La mia sedia a rotelle è ‘Petalosa’, un nome, un programma. Richiama i fiori che la decorano e la bellezza da trovare intorno a noi. La mia stampella (quella che con tenacia uso nelle grandi occasioni), è invece Ella ed è rivestita in modo glamour. Ad una festa decisi di renderla sfavillante con glitter e colori. Da lì a diventare un fashion addict, il passo è stato breve. Mentre sono attaccata alla flebo indosso la mia coroncina di fiori, alternandomi tra corsi da frequentare on line, studio per la laurea magistrale (nonostante i problemi di memoria), e “Lächeln”, il blog del sorriso”.
Spontaneamente, per avere un compagno di viaggio con cui condividere ogni singolo istante della malattia e non, nasce “Lächeln”, il blog che dà il nome anche ad un piccolo progetto con cui si dà voce a chi non ne ha. Alessia confessa: “E’ stato sbalorditivo vedere persone pronte a condividere un vissuto simile al mio. Sul blog nascono sfoghi, consigli e tutto si conclude naturalmente con un sorriso. Spero di poter essere la portavoce di una categoria debole, che non vuole rinunciare a vivere”.
L’ SM (acronimo di sclerosi multipla), non vince e crea nel caso di Alessia un girotondo meraviglioso di incontri, esperienze ed amicizie. Intanto la Dottoressa De Filippo, come è giusto chiamarla, iscritta al secondo anno di laurea magistrale all’Università di Siena in Economia dell’ambiente e dello sviluppo, è stata premiata tra i vincitori del concorso ‘Storie di Resilienza’.
La sua organizzazione no profit cerca di sostenere il prossimo seminando sorrisi attraverso il racconto. Non a caso il 5 marzo scorso l’evento ‘Resilenza, il potere nscosto’, ha appoggiato l’associazione SunshinesRaggidisole, che spera in una residenza e nell’ inclusione lavorativa di ragazzi con sindrome down.
Alessia, instancabile nonostante la fatica fisica dovuta alle terapie cui si sottopone, in radio e con la stampa divulga il suo messaggio, affinchè diventi un modus pensandi collettivo.

Lascia un commento